Award #2018
Newsletter

Tutti i progetti 2009

Museion

Il nuovo Museion ha da poco festeggiato il suo primo anno di vita e il suo imponente volume in metallo e vetro è ormai un’immagine familiare per la città di Bolzano. Le facciate interamente vetrate che scavano l’edifici ...
Museion
Classe CasaClima/Certificazione:
CasaClima B
Committente:
Provincia Autonoma di Bolzano
Ubicazione:
Bolzano
Progettazione architettonica:
KSV - Krüger, Schubert, Vandreike, Berlino
Info:
Il nuovo Museion ha da poco festeggiato il suo primo anno di vita e il suo imponente volume in metallo e vetro è ormai un’immagine familiare per la città di Bolzano.
Le facciate interamente vetrate che scavano l’edificio su due lati sono state concepite come elemento di interazione e comunicazione fra museo e mondo esterno ma, con la loro struttura a tripla pelle (una lastra antieffrazione esterna, lamelle orientabili in vetro per la regolazione della luce nello strato intermedio e vetrocamera termoisolante interno), giocano un ruolo importante anche per il comportamento energetico dell’edificio. L’intercapedine fra le lastre è infatti utilizzata per pre-riscaldare o pre-raffrescare, a seconda della stagione, l’aria in ingresso dalla copertura, prima che questa venga convogliata alla centrale di trattamento aria.
Si ottengono in questo modo concreti risparmi ma soprattutto si può regolare in modo appropriato la temperatura nell’intero edificio mantenendo sempre un microclima interno ottimale anche a fronte della variabilità del clima esterno e del numero di visitatori.
 
Giudizio giuria
Pensato e progettato per il basso consumo energetico, il museo di arte contemporanea vince la sfida dell'efficienza energetica.

Sede Erlacher Arredamenti

L’innovazione, il dinamismo e la creatività che caratterizzano l’azienda sono trasferite in modo sapiente nell’architettura del nuovo edificio amministrativo. Una struttura in calcestruzzo e legno che si chiude verso str ...
Sede Erlacher Arredamenti
Classe CasaClima/Certificazione:
KlimaHaus Gold
Committente:
Erlacher Arredamenti
Ubicazione:
Barbiano/Ponte Gardena (BZ)
Progettazione architettonica:
Arch. Stefan Gamper
Info:
L’innovazione, il dinamismo e la creatività che caratterizzano l’azienda sono trasferite in modo sapiente nell’architettura del nuovo edificio amministrativo. Una struttura in calcestruzzo e legno che si chiude verso strada con un fronte trapezoidale inclinato in lamiera in continuità con la copertura, anch’essa leggermente inclinata, per poi aprirsi completamente verso il verde del retrostante pendio con ampie facciate a tutto vetro dalla trasparenza quasi assoluta.
L’isolamento termico dell’involucro, l’uso di vetrate termoisolanti a triplo strato per le facciate trasparenti e la presenza di un sistema di ventilazione controllata con recupero di calore assicurano un fabbisogno termico per riscaldamento inferiore ai 9 kWh/m²a. L’ottima qualità dell’involucro si coniuga ad un uso responsabile delle risorse energetiche che hanno fatto prediligere i trucioli di legno ad altre fonti energetiche: con un indice di CO2 di 6 kg/m²a l’edificio ha potuto così raggiungere la classe A per quanto riguarda l’efficienza complessiva.
 
Giudizio giuria
Capacità imprenditoriale e filosofia aziendale coniugate ad una progettazione e realizzazione di grande qualità ed energeticamente consapevole.

CasaVerde SPF

La palazzina di 12 alloggi su tre piani è il risultato esemplare di un progetto bioclimatico attento, finalizzato al massimo sfruttamento degli apporti solari e ad una drastica riduzione delle perdite energetiche. Un cor ...
CasaVerde SPF
Classe CasaClima/Certificazione:
CasaClima A
Committente:
SPF Immobiliare
Ubicazione:
Spinetta Marengo (AL)
Progettazione architettonica:
Ing. Massimo Devecchi, Arch. Cavallo Gianpiero, Ing. Andrea Cagni
Info:
La palazzina di 12 alloggi su tre piani è il risultato esemplare di un progetto bioclimatico attento, finalizzato al massimo sfruttamento degli apporti solari e ad una drastica riduzione delle perdite energetiche. Un corretto orientamento e dimensionamento delle aperture, un isolamento termico dell’involucro uniforme, alte prestazioni dei serramenti ed un’esecuzione accurata dei dettagli, con particolare attenzione all’eliminazione dei ponti termici, hanno consentito di raggiungere un fabbisogno termico per riscaldamento molto basso, ulteriormente ridotto grazie all’installazione in ogni appartamento di un impianto decentralizzato di ventilazione controllata con recupero di calore.
Con l’installazione, per il riscaldamento e la produzione dell’acqua calda sanitaria, di un impianto solare e di una pompa ad assorbimento aria/acqua alimentata a gas metano gli obiettivi di risparmio energetico e comfort termico per gli abitanti si sono potuti ben integrare con un ridotto impatto ambientale dell’edificio in termini di emissioni di CO2 .
 
Giudizio giuria
La grande cura nella progettazione e nella realizzazione dei dettagli costruttivi, così come la concezione impiantistica e la scelta dei materiali, rendono questo edificio un esempio da imitare.

Casa Furgler

L’intervento su questa casa contadina, costruita nel 1956 in mezzo ai vigneti di S.Maurizio a Bolzano, è stato finalizzato al raggiungimento di una piena autonomia energetica nel rispetto dei caratteri formali dell’esist ...
Casa Furgler
Classe CasaClima/Certificazione:
CasaClima B
Committente:
Walter Furgler
Ubicazione:
Bolzano
Progettazione architettonica:
Arch. Barbara Wörndle, Ing. Oscar Stuffer
Progettazione impiantistica:
Sanierung
Info:
L’intervento su questa casa contadina, costruita nel 1956 in mezzo ai vigneti di S.Maurizio a Bolzano, è stato finalizzato al raggiungimento di una piena autonomia energetica nel rispetto dei caratteri formali dell’esistente.
Il concetto di risanamento ha riguardato il miglioramento termico dell’involucro (tetto, pareti, primo solaio) tramite elevati spessori di materiale isolante (dai 15 ad oltre i 30 cm) e l’eliminazione dei ponti termici, in particolare la rimozione e sostituzione del balcone in calcestruzzo armato. Una progettazione fin nei minimi dettagli ed un’esecuzione rigorosa hanno consentito una riduzione significativa del fabbisogno termico per riscaldamento portandolo dai 200 kWh/m²a della situazione precedente ai 40 kWh/m²a attuali. L’utilizzo esclusivo di fonti rinnovabili (legno ricavato dal frutteto e sole) per la copertura del fabbisogno energetico dell’edificio libererà i committenti, anche per il futuro, dalla dipendenza dalle continue oscillazioni dei prezzi dell’energia.
 
Giudizio giuria
Significativo esempio di riqualificazione di edilizia tradizionale, senza alterazioni formali e nel pieno rispetto dell'efficienza energetica.
Preaload hidden Preaload hidden Preaload hidden Preaload hidden